A New York, Londra, Milano e Parigi gli stilisti hanno mandato in scena le loro collezioni per la prossima stagione. Ecco cosa andrà di moda in fatto di colori, stili, stampe, abbinamenti e accessori

Come succede una volta ogni sei mesi, dal 5 settembre al 1 ottobre il mondo della moda ha presentato le collezioni prêt-à-porter per la primavera estate 2020. Le fashion week di New York, Londra, Milano e Parigi si sono susseguite in un calendario incalzante di sfilate, presentazioni, party e gala. Sono emerse così le tendenze, e cioè le tipologie di abiti, stili, colori, abbinamenti, borse, scarpe, gioielli, occhiali da sole che i designer propongono per la stagione.

In fatto di moda, non c’è argomento che desti attenzione come quello delle tendenze. C’è chi giura che il concetto stesso dei trend sia morto e sepolto (“ormai funziona tutto e niente!”) e chi preferisce concentrarsi sui macro cambiamenti, quelli che coinvolgono l’abbigliamento ma non solo, e non sui cosiddetti micro trend. Ed è vero anche che il concetto di sfilata si sta evolvendo, con le fashion week sono sempre più animate da esperimenti sui generis.

  1. Verde squillante. Già fortissimo per la stagione autunnale, con la primavera sarà imperante.
  2. Microborse o portamonete? Si fanno sempre più piccole, tanto da poter essere portate al polso.
  3. Bermuda. Dopo I biker shorts, I pantaloncini tornano a essere un must. In versioni differenti.
  4. Microfiori. La stampa per eccellenza, vista al microscopio.
  5. Anfibi vs stivaloni. I sandali possono aspettare.
  6. Jumpsuit. Corta o lunga.
  7. Ultraviolet. Già colore Pantone 2018, continua la sua scalata.
  8. Borse a tracolla. Maxi, colorate, e vagamente hippie.
  9. Maschile monocolore. Intramontabile, vince nei toni neutri.
  10. Lenti anni Settanta. Gli occhiali di stagione sono maxi e con lenti sfumate.
  11. Stampe tropical. Palme, banani, pappagalli, scimmie e così via.
  12. Il top sui pantaloni. Un pò anni Duemila, lo vedremo come nuova mise per la sera (anche sui red carpet).
  13. Crochet. Ancora anni ’70, multicolor e nei toni della terra. Decisamente boho-chic.
  14. Leopardato e non solo. Tanta zebra, ma anche tartaruga.
  15. Denim mania. I jeans sono stati sorprendentemente presenti sulle passerelle dei grandi stilisti.
  16. Arancio. Sempre bold, su abiti fluidi o soprabiti di carattere.
  17. Gioielli macro. Bracciali scultura, ma anche grandi orecchini.
  18. Pois. Sempre in bianco&nero.
  19. Polo. A costine, in cotone sottile. Very minimal.
  20. Secchielli. Di pelle o intrecciati, da picnic o da città.
  21. Rosa cipria. Lo stile imperante è super femminile.
  22. Cappelli sportivi (e a tesa larga). Estrosi, ma pratici.
  23. Check nei toni chiari. I quadretti si declinano nel pastello.
  24. Rafia. Per abiti e accessori.
  25. Microshorts. In raso o in denim, sgambatissimi.
  26. Jacquard tappezzeria. Ancora anni ’70, ma più borghese.
  27. Mocass(o)ni. Il tacco è maxi.
  28. I toni neutri. Anche in versione più morbida.
  29. Righe maschili. La camicia azzurro cielo è un must.
  30. Trench speciali. Sono il capo su cui puntare.

Continua a leggerci. La settimana prossima un focus su Lineapelle 2019 – in corso a Milano.